06/10/2019 - Società e Cultura

CULTURE LINGUAGGI MINORANZE

DE DRAI JORZAITN - LE TRE STAGIONI

check_circle 0
mode_comment 0
remove_red_eye 233

Angela Trentini, Marco Girardi
Il film nasce, oltre che dall’interesse dei registi per le tematiche relative all’identità culturale alpina, anche dalla volontà di presentare alcuni aspetti di una cultura particolare, quella mòchena, attraverso un film a soggetto.
La trama del film è stata arricchita con figure leggendarie tratte dagli studi etnografici di Giuseppe Sêbesta e da alcune citazioni tratte dal racconto “Grigia”, di Robert Musil, durante il suo soggiorno in Val dei Mòcheni nel periodo della Grande Guerra.
Il film si è avvalso della collaborazione e della partecipazione di molti abitanti della valle che hanno concesso il loro tempo, le loro storie e la loro spontaneità per interpretare i vari personaggi del film.
Ambientato negli anni '30 nella Valle del Fersina - Bersntol, il film racconta la vita di una donna e della sua bambina durante l'assenza del marito, un Krumer (venditore ambulante), il cui lavoro lo costringe a lasciare la valle dalla fine dell'autunno alla primavera. In questo periodo la vita delle due protagoniste si intreccerà con quella di un medico e della sua giovane moglie, che saranno espressione di una cultura e di un linguaggio diversi, talvolta in contrasto, sullo sfondo di una valle segnata profondamente dal rapporto tra l’uomo e la natura.
Anche in questo film, come in “Resina”, risalta il ruolo “forte” della donna nel gestire i rapporti e la realtà della vita quotidiana.

La Sezione CAI-SAT di Rovereto ha organizzato e propone un percorso di incontri dedicati al tema delle “minoranze linguistiche”. È questo un argomento molto complesso e delicato a cui la Sezione di Rovereto ha voluto contribuire con la proposta di queste 3 serate: “ Culture Linguaggi Minoranze”.
Percorso che ha fatto incontrare la Sezione CAI-SAT di Rovereto, l’Università di Trento, gli Istituti Culturali sia Cimbro sia Ladino, con l’assenza dell’Istituto Culturale Mocheno e l’accettazione con il Patrocinio della provincia Autonoma di Trento.
Il primo incontro si è svolto il 15 ottobre, con il film “Resina” a cui ha partecipato il regista R. Carbonera, la rappresentante delle minoranze presso l'Università di Trento Patrizia Cordin e la dott.ssa Anna Maria Trenti, Direttrice dell’Istituto Culturale Cimbro di Luserna.
Nella serata del 22 ottobre sarà proiettato il film” De Drai Jorzaitn “ e si tratterà della minoranza linguistica mochena con la regista Angela Trentini, il Sindaco di Palù del Fersina, Stefano Moltrer e Paolo Tomasi.
In questa occasione ci sarà un finale “leggero”: una degustazione di Strauben.
Il nostro percorso si concluderà il 29 ottobre con la partecipazione di Fabio Chiocchetti direttore dell'Istituto Ladino della Val di Fassa.
Siamo convinti che la SAT debba operare anche nel far crescere la cultura del nostro territorio nella consapevolezza di possedere un patrimonio naturale ma anche sociale e linguistico di cui possiamo solo andare fieri.

Altri post sotto Società e Cultura

Appuntamenti estivi per i giovani con l'Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino

da Mattia Frizzera , Caldonazzo

Castello del Buonconsiglio

da Lukas Antoniolli ,

question_answer Commenti (0)