03/02/2021 - Autonomia e Politica

Rilanciamo l’economia del Trentino!

La burocrazia va indirizzata correttamente dalla Politica nell'interesse della popolazione

check_circle 0
mode_comment 0
remove_red_eye 113

Parto da un caso personale e concluderò con uno spunto di riflessione.
Mia moglie possiede un bosco nel comune di Ala; la sua parte bassa vicina alla strada comunale può essere convertita in un vigneto; è una bonifica agraria che, anche se piccola, offrirà opportunità di lavoro e di sviluppo economico.
Però sulla carta geologica è indicato nel bosco un “rio Rebus” cioè un corso d’acqua che a memoria d’uomo nessuno ha mai visto lì, perché in realtà sgorga a 20 m di distanza, a valle della strada e sotto la strada stessa non c’è alcuna opera di captazione e scorrimento del “rio”.
Mi aspettavo quindi una deroga per tenere solo 4 m di distanza dal fantomatico “rio”, il che consentirebbe la bonifica, anche se leggermente ridotta.
Invece dopo vari sopralluoghi e mesi di attesa, mi arriva dai Bacini Montani un parere verbale che nella bonifica devo stare a 10 m dal “rio”, il che rende problematico l’intervento.
Penso che ci sono altri casi come questo, dove la burocrazia interpreta le normative non col buon senso, ma alla lettera, vanificando l’imprenditoria dal basso, che invece sarebbe tanto utile soprattutto ora per ricreare i posti di lavoro persi per la pandemia.
Concludo con un appello alla Politica: date indicazioni ai funzionari della burocrazia di interpretare la normativa in senso costruttivo, favorendo l’imprenditoria ove può creare posti di lavoro.
Ing. Guido Leonardi - 347 0412716 guido.leonardi1@alice.it

Altri post sotto Autonomia e Politica

Alla sicurezza dei quartieri chi ci pensa?

da Nicola Bresciani , Trento

Lo sport è un valore strategico per la nostra provincia?

da Filippo Bazzanella,

question_answer Commenti (0)